Servizio di recupero IVA fatture estere

La Camera di Commercio, impiegando risorse finanziarie proprie, ha aderito a Creditreform Italia, il più grande gruppo al mondo per il recupero crediti e il più grande gruppo d’ Europa d’informazioni commerciali.

Attivo un nuovo servizio dedicato al recupero dell'IVA relativa a fatture e ricevute fiscali per spese sostenute nei paesi Paesi dell'Unione Europea, Croazia,  Norvegia, Principato di Monaco e  Svizzera tramite Creditreform. 

COSA RIMBORSARE
Le spese sostenute in occasione di fiere, viaggi e trasferte, attività tipica dell'azienda (impiantistica, cantieri etc....) 

DOCUMENTI OCCORRENTI
Fatture e ricevute fiscali oggetto della richiesta del rimborso secondo le disposizioni di ciascuno stato (per le specifiche contattare Ufficio), nome della banca e numero di c/c su cui effettuare il bonifico del rimborso, altra modulistica (che sarà fornita su richiesta dall'Ufficio).

TERMINI DELLA RICHIESTA DI RIMBORSO
  - per i Paesi UE deve essere protocollata presso gli Uffici delle finanze competenti entro il 30 settembre dell'anno successivo a quello di riferimento della richiesta del rimborso (la documentazione necessaria dovrà pertanto pervenire entro il  31/08/2019)
  - per i Paesi Extra CEE deve essere protocollata presso gli Uffici delle finanze competenti entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di riferimento della richiesta del rimborso (la documentazione necessaria dovrà pertanto pervenire entro il 31/05/2019)

Ricevuta la documentazione necessaria Creditreform la esaminerà per verificarne la conformità e completezza, provvederà all'inoltro della pratica agli Uffici competenti, seguendola fino al suo esito definitivo.  

COSTO DEL SERVIZIO
La quota fissa di istruzione della pratica è a carico della Camera di Commercio di Pisa. La Commissione sugli importi effettivamente rimborsati (dal 10% al 15% a seconda del Paese) a carico dell' impresa. In caso di richiesta da parte dei Ministeri delle Finanze esteri competenti di ulteriore documentazione (documenti notarili, visure, traduzioni autenticate) possono insorgere costi aggiuntivi che verranno preventivamente quantificati all'impresa. 

Il servizio sarà fornito fino ad esaurimento del fondo appositamente stanziato, secondo l’ordine di presentazione delle domande.

Al fine di consentire a quante più imprese possibile l'accesso al servizio, ogni azienda potrà richiedere, nel corso dell’anno, non più di una pratica di rimborso IVA.



Questa informazione ti e' risultata
Utile?


Ultima modifica: 03/05/2019 08:56:44