Procedimento di cancellazioni PEC - anno 2019

In data 23 ottobre 2019 è stato pubblicato il provvedimento del Giudice del Registro del 21 ottobre 2019, con il quale si è concluso il procedimento di cancellazione massiva degli indirizzi di Posta Elettronica Certificata (PEC) che risultavano iscritti nel Registro delle Imprese ma, successivamente, revocati del rispettivo gestore.

Decorsi 7 giorni dalla pubblicazione del medesimo sul sito istituzionale della Camera ai sensi dell'art. 151 cpc sarà possibile impugnare il provvedimento entro i successivi 15 giorni previsti dall'art. 2192 cc.

La cancellazione delle PEC, di cui all'elenco allegato, comporta la rimozione dell'indirizzo dalla posizione dell'impresa cui era riferito e la conseguente sospensione delle istanze che verranno presentate al Registro delle Imprese concernenti la modifica di detta posizione, come previsto per le società dall'art. 16 comma 6 bis DL 185/2008 e per le imprese individuali dall'art. 5 comma 2 del DL 179/2012, con relativo rifiuto dell'istanza e applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria (sia per le società ai sensi dell'art. 2630 cc sia per le imprese individuale ai sensi dell'art. 2194 cc) per omessa iscrizione dell'atto o del fatto oggetto del rifiuto stesso.

Si ricorda che la modifica (o l'iscrizione) dell'indirizzo PEC di un'impresa può essere effettuata mediante l'invio al Registro Imprese di una specifica istanza ComUnica ovvero, in alternativa, utilizzando il portale www.registroimprese.it – Sportello Pratiche - Pratiche Semplici – Iscrizione PEC; una procedura, quest'ultima, che consente la trasmissione dell'indirizzo  in tre semplici passaggi tramite l'utilizzo del solo dispositivo di firma digitale da parte del legale rappresentante dell'impresa.

L'istanza di iscrizione o di modifica dell'indirizzo di posta elettronica certificata di un'impresa è esente dal pagamento dell'imposta di bollo e dei diritti di segreteria.

Allegati


Questa informazione ti e' risultata
Utile?


Ultima modifica: 10/12/2019 13:03:35