Le esportazioni pisane non brillano: +2,2%

Nel primo semestre 2019 le esportazioni pisane crescono del +2,2%

Il commercio mondiale, a causa dell'intensificarsi della crisi commerciale tra Stati Uniti e Cina e alle incertezze relative alla Brexit, rischia di segnare la prima contrazione dalla crisi finanziaria del 2008. Secondo i dati diffusi dall'istituto di ricerca olandese CPB Netherlands Bureau for Economic Policy Analysis, i primi sei mesi del 2019 segnano infatti una "crescita zero" del commercio mondiale rispetto al primo semestre 2018.
All'interno di questo quadro, l'analisi dei dati Istat sulle esportazioni dei primi sei mesi del 2019, diffusi oggi dalla Camera di Commercio di Pisa, mette in evidenza un vero e proprio balzo in avanti dell'export toscano (+17,9% rispetto al primo semestre 2018) mentre più indietro, ma sempre in crescita, troviamo l'Italia (+2,7%) e la provincia di Pisa (+2,2%).
Il +2,2% messo a segno da Pisa nel primo semestre 2019, si inserisce all'interno di risultati non proprio lusinghieri realizzati negli ultimi tempi. A sostenere lo sviluppo dell'export pisano contribuiscono le due-tre ruote, la meccanica e le bevande mentre pesano le flessioni di cuoio, calzature, metalli e farmaceutica.


Allegati

Vedi anche


Questa informazione ti e' risultata
Utile?


Ultima modifica: 26/09/2019 09:37:49